Escursione "Grotta dello Scalandrone"

Domenica 6 settembre
Appuntamento ore 8:00 ingresso autostrada Baronissi sud (Antessano)

Escursione

Programma: con le auto si raggiunge Giffoni Valle Piana, dopo circa una decina di chilometri dal centro della località Picentina, si arriva presso il rifugio della Forestale dove si lasciano le auto. Percorso un sentiero di media difficoltà  in meno di un'ora di cammino si giunge alla meta.

Nei pressi dell'ingresso vi è una radura dove scorre un ruscello che fuoriesce dalla grotta, inoltre la presenza di un faggio di alto fusto rende il luogo adatto ad un meritato riposo.

                             

L'accesso alla grotta è un anonimo buco di circa un metro di diametro da dove si entra nella enorme cavità alta qualche decina di metri e lunga circa 60 detta "Sala delle bambine che giocano" nome dovuto a fruscii ed echi che produce l'acqua che scorre al suo intero.

                             

La grotta si sviluppa verso il basso, non c'è luce naturale, quindi buio completo, solo l'illuminazione delle torce permette di ammirare le concrezioni che si sono formate in migliaia di anni di stillicidio dell'acqua.

                              

L'esplorazione continua fino a raggiungere il punto più basso dove una piccola cascata, proveniente da un cunicolo di accesso ad un altro ramo della grotta, alimenta un laghetto con una piccola spiaggia. Tradizionale foto di gruppo e ritorno verso l'uscita.

Visto il particolare fondo scivoloso si raccomanda scarpe da trekking, keeway per l'acqua che gocciola dalla volta, torce efficienti, possibilmente da casco, le mani libere sono indispensabili nei passaggi più difficoltosi. 

Colazione a sacco e acqua al seguito. Il rietro è previsto nel pomeriggio.

Per ulteriori notizie contattare Alfonso  cell. 333 450 9600..

Guarda la photogallery



Pubblicato il 19 Agosto 2015 da Staff LegambienteIrno

Commenti degli utenti alla pagina:

Non ci sono commenti per questa pagina.

Commenta anche tu


(*) Campi Obbligatori

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di LegambienteIrno.it per essere sempre aggiornato sulle nostre attivitą.

Social